Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni

© Comune di Modena, Collezione Museo della Figurina – Fondazione Modena Arti Visive | Lalabel, ca. 1980. Album per la raccolta di 80 figurine

 

Dal 12 Settembre 2020 al 10 Gennaio 2021

Modena

Luogo: FMAV - Palazzo Santa Margherita

Indirizzo: corso Canalgrande 103

Orari: Mercoledì, giovedì e venerdì: 11-13 / 16-19 Sabato, domenica e festivi: 11-19

Curatori: Francesca Fontana, Enrico Valbonesi

Costo del biglietto: Intero € 6,00| Ridotto € 4,00 Ingresso libero: mercoledì | prima domenica del mese

Telefono per informazioni: +39 059 6138098

Sito ufficiale: http://www.fmav.org



"Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni", a cura di Francesca Fontana ed Enrico Valbonesi, è realizzata a partire dai materiali conservati all’interno della Collezione Museo della Figurina, donata nel 1992 da Giuseppe Panini al Comune di Modena e oggi gestita da Fondazione Modena Arti Visive.
 
La mostra si focalizza sul legame tra manga e anime, mettendo in evidenza come nella maggior parte dei casi i cartoni animati giapponesi siano derivati da prodotti editoriali, sebbene non manchino esempi del percorso inverso, per cui celebri anime hanno ispirato la creazione dei corrispettivi manga. Il percorso espositivo illustra la nascita e le modalità di diffusione tipiche di queste forme di intrattenimento, insegna a decodificarne il linguaggio peculiare e i segni grafici, spiega i generi principali in cui vengono suddivisi i manga, da quelli per l'infanzia - i cosiddetti kodomo- agli spokon a tema sportivo, passando attraverso i cartoni animati del World Masterpiece Theater tratti da opere letterarie occidentali. Alcune sezioni sono dedicate al genere femminile shōjo, di cui fanno parte le celeberrime maghette e le storie sentimentali, e shōnenstorie avventurose per il pubblico maschile, con un focus sui mitici robottoni come Mazinga e Danguard.

Proprio gli anime risultano i protagonisti assoluti dell'editoria delle figurine dagli anni Ottanta in poi. Kiss me Licia, L'incantevole Creamy, Occhi di gatto, Holly e Benji, per fare solo qualche esempio. Oggetto di censura che spesso li ha snaturati, questi cartoni animati sono stati criticati aspramente da pedagoghi, genitori e opinionisti. Oggi invece, anche in ambito accademico, sono fioriti studi che riconoscono agli anime un posto importante nel cinema di animazione internazionale, il merito di avere reinventato generi come la fantascienza, il feuilleton, la sit-com e di aver saputo sviluppare un linguaggio nuovo all'interno dei limiti di un budget ridotto. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI