Miralles Tagliabue EMBT. Weaving architecture

© Ph. Giovanni Nardi | Benedetta Tagliabue-EMBT, Weaving Architecture, installazione per Biennale Architettura 2018, fibra ferro e quercia rossa americana

 

Dal 26 Maggio 2018 al 25 Novembre 2018

Venezia

Luogo: Arsenale

Enti promotori:

  • American Hardwood Export Council (AHEC)

Sito ufficiale: http://www.mirallestagliabue.com


Comunicato Stampa:
Uno spazio partecipativo come manifestazione di libertà: questa è l'idea alla base dell'installazione Weaving architecture. Il progetto di Miralles Tagliabue EMBT mostra come le tecniche manuali, ad esempio la tessitura, hanno la capacità di umanizzare gli spazi pubblici.
La poetica struttura presentata a Venezia è composta da vari elementi intrecciati su due livelli. Il livello superiore è costruito con moduli in quercia rossa americana e quello inferiore con moduli in acciaio; entrambi sono intrecciati con fibra di vetro in diversi colori, che ammorbidisce l'effetto visivo e confonde i confini creati dalla struttura.

Uno spazio libero è uno spazio ben intrecciato
Weaving Architecture riassume un modo di pensare che è alla radice del lavoro sperimentale che Benedetta Tagliabue - EMBT sta conducendo da anni, a partire dal padiglione di Spagna in vimini presentato all’Expo di Shanghai 2010.
 
Questa ricerca prosegue adesso a Clichy-sous-Bois e a Montfermeil, alla periferia di Parigi, con il progetto per la futura stazione della metropolitana (parte del Grand Paris Express), un mercato e la riqualificazione di uno spazio urbano, che sarà costruito in fibra, un materiale delicato ma resistente al tempo e alle intemperie.

Weaving Architecture, presentata a La Biennale Architettura 2018, riguarda il concept dell’intrecciare a diversi livelli: intrecciare la città tramite la sua metropolitana, intrecciare l'attività delle persone nello spazio pubblico, intrecciare la struttura della copertura e rivestirla in fibra.
La copertura dà protezione e ombra, creando uno semi-open space confortevole per varie le attività collettive. La sua natura multicolore esprime lo spirito di Clichy-sous-Bois e Montfermeil ricordando sia i motivi africani dei vestiti delle persone sia i graffiti locali – un’arte che appartiene agli abitanti.
Quest’architettura, così come l’infrastruttura che rappresenta, connette il territorio e costruisce un senso d’inclusione sociale testimoniando il ruolo sociale dell’architettura.
 
Il Grand Paris Express
Attualmente Grand Paris Express è la più grande infrastruttura e progetto urbano d’Europa: 200 km di linea metropolitana automatica e 68 nuove stazioni da costruire che collegano la rete metropolitana, i treni e gli aeroporti.
 
Con queste dimensioni, il progetto è una sfida non solo architettonica, ma anche economica, sociale e culturale che farà di queste stazioni e dei loro dintorni, dei luoghi dove vivere meglio.
La messa in funzione del Grand Paris Express rafforzerà il fascino della regione e promuoverà l’equilibrio tra i territori della metropoli. Creerà cambiamenti per milioni di utenti non solo nell’ambito dei trasporti, ma anche nell’ambito del territorio.
Piú di 40 team da tutto il mondo stanno lavorando per immaginare come sarà il trasporto di domani, una questione che contribuirà alla cultura del futuro che appartiene a tutti nella Grand Paris.

Il materiale
"La quercia rossa non ha solo un'impronta di carbonio minima, ma è anche veramente sostenibile", spiega David Venables, direttore europeo di AHEC - "La foresta di latifoglie americane, che occupa circa 120 milioni di ettari degli Stati Uniti, è stata ben gestita da generazioni successive di piccoli proprietari terrieri. Gli alberi vengono raccolti selettivamente e sostituiti con la rigenerazione naturale. Il legno cresce a un ritmo molto più alto rispetto a quello con cui viene estratto e la foresta aumenta di 401 ettari ogni anno - l'equivalente di un campo da calcio ogni minuto ".
 
Due anni fa, Benedetta ha intrapreso un viaggio con American Hardwood Export Council per esplorare il potenziale delle specie americane. Questo viaggio è iniziato con The Workshop of Dreams, dove Benedetta ha collaborato con l’Executive Director del Premio Pritzker di Architettura, Martha Thorne, per creare una serie di tavolini da caffè realizzati in legno di latifoglia sostenibile degli Stati Uniti. Ed è poi proseguito con Too Good to Waste, un'installazione presentata alla Milano Design Week 2017, che ha aperto un dialogo sulla necessità di utilizzare le diverse specie che le foreste producono per raggiungere una reale sostenibilità.
Ecco perché quando si è dovuto pensare al materiale da utilizzare per Weaving architecture, la quercia rossa americana è stata una scelta ovvia per EMBT che aveva già avuto modo di apprezzare questa bellissima specie e le sue eccezionali proprietà ambientali.
 
Nonostante sia molto favorito in altre parti del mondo come Stati Uniti e Asia, la quercia rossa non viene utilizzata in Europa. David Venables, direttore europeo di AHEC, afferma: "Quasi un albero di latifoglie su cinque nelle foreste degli Stati Uniti, è una quercia rossa, eppure le industrie in Europa sono restie a usarlo. Speriamo che questo progetto ispiri un uso più fantasioso di questa bella specie sostenibile ".
 
La realizzazione
Le componenti in quercia rossa di Weaving Architeture sono state realizzate a Madrid dagli artigiani di Intrama, un laboratorio con oltre 30 anni di esperienza nel campo della carpenteria architettonica.

Antonio Arce, direttore di Intrama, afferma: "E’ dagli anni ’80 che utilizziamo la quercia rossa, per alcuni progetti importanti come la falegnameria del Parlamento spagnolo. È una specie con cui ci piace lavorare perché è nobile, ha un aspetto magnifico ed è facile da lavorare ". E aggiunge:" In questo progetto, Benedetta ha deciso di utilizzare un olio molto naturale per finire il legno in modo da evidenziare il meraviglioso grano della quercia rossa ".

La quercia rossa
La quercia rossa è la specie dominante nelle foreste di latifoglia U.S. con un grano distintivo e un legno che non sempre è di colore rosso. Il nome si suppone sia dovuto al colore delle foglie in autunno. Le piante di quercia rossa crescono naturalmente solo in Nord America, anche se piantate altrove. In generale, l'alburno delle querce rosse è marrone chiaro e il durame è spesso da rosato a marrone rossastro. Le querce rosse americane hanno proprietà di resistenza generale molto buone rispetto al peso. I suoi usi principali sono per i mobili, pavimenti, porte e per alcune costruzioni. I dati della FIA - Forest Inventory Analysis mostrano che la crescita netta annua di quercia rossa negli Stati Uniti dopo il raccolto è superiore a 21 milioni di m3, questo significa che ci vogliono solo 0,57 secondi per la quercia rossa usata in Weaving Architetureda sostituire nella foresta per una nuova crescita. Ulteriori informazioni ambientali sulla quercia rossa possono essere trovate qui

Crediti
Collaboratori: Elena Nedelcu, Nazaret Busto Rodríguez, Ana Otelea, Arturo Mc Clean, Lin Lap, Giorgia Mazzeo, Vanessa Mingozzi, Andrea Grigoletto, Lluc Miralles. 
 
Un ringraziamento speciale a: Fonds de dotation du Grand Paris Express, Société du Grand Paris, Ministerio de Fomento de España, American Hardwood Export Council (AHEC), Institut Ramón Llull.
 
Con il supporto aggiuntivo di: Studio Iorio, I-Mesh, Intrama, Estmart, Marcotran, Tagi 2000.
 
Miralles Tagliabue EMBT
Benedetta Tagliabue ha studiato architettura presso l'Istituto di Architettura di Venezia (IUAV) e attualmente dirige lo studio di architettura internazionale Miralles Tagliabue EMBT, fondato nel 1994 in collaborazione con Enric Miralles, con sede a Barcellona e, dal 2010, a Shanghai. Tra i suoi progetti più importanti, il Parlamento di Edimburgo, il Diagonal Mar Park, il mercato di Santa Caterina a Barcellona, ​​il Campus Universitario de Vigo e il padiglione spagnolo all'Expo mondiale di Shanghai 2010, premiato con il prestigioso premio RIBA International "Best International Building 2011 ". Gli attuali progetti di studio comprendono la Business School della Fudan University di Shanghai, le torri per gli uffici a Xiamen e Taichung, gli spazi pubblici di HafenCity ad Amburgo, la stazione della metropolitana Clichy-Montfermeil a Parigi, (primo premio in concorso), e la stazione centrale della metropolitana a Napoli, Italia.
 
Il suo studio pluripremiato lavora nei campi dell'architettura, del design di spazi pubblici, della riabilitazione, del design di interni e industriali. Nel campo dell'insegnamento, è stata professore in visita presso l'Università di Harvard, Columbia University e Barcellona ETSAB, tenendo regolarmente conferenze in forum di architettura e università, e fa parte di giurati di tutto il mondo, ad es. per i premi Princesa de Asturias e la giuria del Pritzker Prize. Il suo lavoro ha ricevuto il RIBA Stirling Prize nel 2005, il Premio Nazionale Spagnolo nel 2006, il Premio Nazionale Catalano nel 2002, il Premio Città di Barcellona nel 2005 e nel 2009, i premi FAD nel 2000, 2003 e 2007. È anche la direttrice della Fondazione Enric Miralles, il cui obiettivo è promuovere l'architettura sperimentale nello spirito del suo defunto marito e partner Enric Miralles.
 




SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: