Firenze | Palazzo Strozzi | Dal 9 marzo al 14 luglio 2019

Verrocchio, il maestro di Leonardo, ovvero quando lo spirito del tempo sbircia la sua epoca attraverso gli occhi di un singolo talento.

L'inedita retrospettiva dedicata da Palazzo Strozzi al genio di Andrea di Michele di Francesco di Cione detto Il Verrocchio (Firenze, 1435 - Venezia, 1488), maestro di Leonardo da Vinci come di Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Domenico Ghirlandaio e di molti altri protagonisti del Rinascimento, fa luce sulla figura emblematica dell'artista che fu incarnazione ante litteram del genio universale, e "padre" di un’intera generazione di maestri, in memoria dei propri precursori.

Verrocchio, il maestro di Leonardo, una rassegna imperdibile che apre una finestra temporale sulla Firenze di Lorenzo il Magnifico, tra il 1460 e il 1490 circa, attraverso le 120 opere in mostra, tra dipinti, sculture e disegni, provenienti da oltre settanta tra i più prestigiosi musei e collezioni private del mondo, tra le quali
anche sette opere di Leonardo da Vinci, alcune delle quali per la prima volta esposte in Italia.

Leggi anche:
Verrocchio, il maestro di Leonardo
Verrocchio e Leonardo: a Palazzo Strozzi una retrospettiva con capolavori inediti
 

FOTO


Andrea del Verrocchio, maestro del Tempo

Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Madonna col Bambino, 1470 circa, Tempera su tavola, 47.9 x 75.8 cm, Berlino, Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldegalerie, inv. 108 | © Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldeg alerie / Christoph Schmidt
Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Madonna col Bambino, 1470 circa, Tempera su tavola, 47.9 x 75.8 cm, Berlino, Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldegalerie, inv. 108 | © Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldeg alerie / Christoph Schmidt
   
 
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Madonna col Bambino, 1470 circa, Tempera su tavola, 47.9 x 75.8 cm, Berlino, Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldegalerie, inv. 108 | © Staatli che Museen zu Berlin, Gemäldeg alerie / Christoph Schmidt
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Dama dal mazzolino, 1475 circa, Marmo, 46 x 59 x 24 cm, Firenze, Museo Nazionale de l Bargello, inv. Sculture 115
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Spiritello con pesce (Putto col delfino), 1470-1475 circa, Bronzo, 50.5 x 70.3 x 35 cm, Firenze, Musei Civici Fiorentini-Museo di Palazzo Vecchio, inv. MCF-PV 2004-10 615 |Il restauro dell’opera è stato reso possibile grazie al generoso contributo di Friends of Florence
  • Andrea del Verrocchio, Tobia e l'Angelo, 1470-1475 circa, Tempera su legno di pioppo, 66 x 83.6 cm, National Gallery, London
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Madonna col Bambino, 1470 o 1475 circa, Tempera e olio su tavola, 54.6 x 75.8 cm, Be rlino, Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie | © Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie / Christoph Schmidt
  • Sandro Botticelli (Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi), (Firenze, 1445 - 1510), Madonna col Bambino e due angeli, 1468 circa, Tempera su tavola, 71 x 100 cm, Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte | Courtesy of Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), Madonna col Bambino e due angeli (Madonna di Volterra), 1471-1472 circa, Tempera su tavola, 70.5 x 96.5 cm, Londra, The National Gallery, inv. NG296 (acquisto 1857) | © The National Gallery, London
  • Andrea del Verrocchio (Firenze, 1435 circa - Venezia, 1488), David vittorioso, 1468-1470 circa, Bronzo con tracce di dorature, 60 x 122 x 58 cm, Firenze, Museo Nazionale del Bargello, inv. Bronzi 450 (testa di Golia) e inv. Bronzi 451 (David), Musei del Bargello, Firenze | Courtesy of Ministero dei Beni e delle Attività Culturali
  • Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519), Teste e figure a mezzo busto, viste di profilo. Madonna che allatta il Bambino contro un paesaggio, con san Giovannino. Figura maschile stante. Teste di leone. Un drago (recto) / Teste e figure a mezzo busto, una delle quali tagliata a tre quarti (verso), 1478 circa, Penna e due diversi inchiostri bruni, 290 x 405 mm, Castello di Windsor, Royal Library, The Royal Collection Trust, inv. RCIN 912276 (concesso in prestito da Sua Mae
  • Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519), Braccia e mani femminili / Testa maschile in profilo, 1474-1486 circa, Punta d’argento e punta di piombo, con ritocchi successivi dei profili in matita nero-grigiastra tenera, il tutto lumeggiato con biacca a pennello e a gouache, su carta preparata leggermente in rosa color pelle, 150 x 215 mm, Castello di Windsor, Royal Library, The Royal Collection Trust, inv. RCIN 912558 (concesso in prestito da Sua Maestà la Regina Elisa
  • Leonardo da Vinci, Panneggio di una figura seduta, vista quasi frontalmente, 1475-1480 ca. mm 266 x 233. Parigi, Musée du Louvre, Département des Arts Graphiques, inv. 2255
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


I simboli di Previati, il Maestro che guardava al futuro foto | Ferrara | Castello Estense | Fino al dicembre 2020 I simboli di Previati, il Maestro che guardava al futuro Ferrara onora Gaetano Previati con una grande mostra dedicata alla sua opera, alchimia artistica tra Simbolismo e Futurimo a cavallo tra due secoli.   Yves Klein. Les éléments et le couleurs foto | Mondo | Domaine des Etangs di Massignac | Dal 25 giugno 2020 al 29 gennaio 2021 Yves Klein. Les éléments et le couleurs Una rara opportunità per scoprire, attraverso una visione trasversale e tematica, l'opera di Yves Klein, precursore di molte Arti.   Aquileia. Patrimonio dell'Umanità foto | Aquileia. Patrimonio dell'Umanità Aquileia. Patrimonio dell'Umanità Alla scoperta dei tesori del sito UNESCO di Aquileia, la città friulana con 2200 anni di storia.   HIC SUNT LEONES o del paradosso dietro l'angolo foto | Roma | WeGil | dal 22 luglio al 31 agosto 2020 HIC SUNT LEONES o del paradosso dietro l'angolo Nel cuore dell'estate romana di un'annata epocale, Max Papeschi si ritrova ad innescare un puntualissimo cortocircuito spaziotemporale.   Caravaggio, il trionfo della bellezza foto | Le opere più belle di Michelangelo Merisi Caravaggio, il trionfo della bellezza La luce, l'intensità, la natura e gli uomini.   Elliott Erwitt. Icons foto | Rome | WeGil | Dal 18 maggio al 12 luglio 2020 Elliott Erwitt. Icons Riapre a Roma il 18 maggio 2020, con proroga fino al 12 luglio, la mostra dedicata ad uno dei più grandi Maestri della fotografia contemporanea.   Tiziano, un secolo di capolavori foto | Tiziano Tiziano, un secolo di capolavori Le mille sfumature del Cinquecento nei capolavori di Tiziano.   Da Il bacio di Klimt a Il bacio di Hayez, l'amore nell'arte foto | Viaggio nell'arte e nell'amore Da Il bacio di Klimt a Il bacio di Hayez, l'amore nell'arte Da Klimt, a Hayez, Rodin e Caravaggio. Quando l'arte incontra l'amore.   Giambattista Piranesi. Architetto senza tempo foto | Bassano del Grappa | Palazzo Sturm | Dal 20 giugno al 19 ottobre 2020 Giambattista Piranesi. Architetto senza tempo La città di Bassano del Grappa celebra con una grande mostra il terzo centenario della nascita del massimo protagonista dell’incisione veneta del Settecento.   Il Racconto della Montagna nella pittura tra Ottocento e Novecento foto | Conegliano | Palazzo Sarcinelli | Dal 12 giugno all'8 dicembre 2020 Il Racconto della Montagna nella pittura tra Ottocento e Novecento Un inno alla natura e alla libertà in mostra a Conegliano, Giandomenico Romanelli e Franca Lugato esplorano il tema della montagna a partitre dal'immaginario artistico di metà Ottocento.   Tra i Capolavori delle Gallerie dell'Accademia di Venezia foto | Riapertura delle Gallerie dell'Accademia di Venezia Tra i Capolavori delle Gallerie dell'Accademia di Venezia Breve viaggio tra alcuni dei capolavori custoditi alle Gallerie dell'Accademia di Venezia: un tesoro da riscoprire.   Canova a Roma e l'immortalità del genio foto | Museo di Roma | Fino al 21 giugno 2020 Canova a Roma e l'immortalità del genio Riaperture: una mostra evento dedicata al legame di Antonio Canova con la Città Eterna.