Uomo Vitruviano

Dorsoduro

Uomo Vitruviano
Fino al 1 dicembre 2013 la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale di Venezia, presenta la mostra “Leonardo Da Vinci. L’Uomo universale” alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, a cura del Direttore del Gabinetto dei Disegni Annalisa Perissa Torrini.

Sono esposti 52 disegni di Leonardo, dieci anche recto e verso, per evidenziare il vero modo del momento creativo nel suo essere. Il nucleo veneziano, magistrale per qualità, è formato da 25 disegni che non sono più stati esposti tutti insieme dal lontano 1980, formano un excursus delle tappe della carriera dell’artista fino all’ultimo periodo francese. Tra tutti eccelle il celeberrimo Uomo Vitruviano.

Il percorso indicato dai fogli veneziani è arricchito e completato da altri prestigiosi disegni di tematica affine, prestati da importanti musei italiani e stranieri, quali Biblioteca Reale di Torino e il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi di Firenze, le collezioni Reali di Windsor Castle, il British Museum di Londra, il Musée du Louvre, l’Ashmolean Museum di Oxford.  

Con gli occhi sui disegni esposti, immaginare di osservare Leonardo alle sue spalle con carta e penna mentre schizza, cancella, scrive, passando continuamente da un’idea all’altra, fa entrare appieno nel tumulto della sua magia creativa. Come se il visitatore sfogliasse il diario personale dell’artista, che fa trapelare il pensiero recondito del maestro nell’immediatezza del suo tramutarsi in forma percepibile, per sé, e per gli altri.

Per saperne di più:
- Leonardo Da Vinci. L'Uomo universale
- Biografia Leonardo
- Uomo Vitruviano (1490)
- Autoritratto (1515)
- Codice sul volo degli uccelli (1505)
- San Girolamo (1480)
- Ritratto di musico (1485)
- Ultima Cena (1498)
- Annunciazione (1475)

Il celebre disegno di Leonardo, eseguito a Milano intorno al 1490 e acquistato dal Governo austriaco insieme ad altri venticinque straordinari disegni, è conservato nel Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Galleria dell'Accademia di Venezia dal 1822.
L’immagine, simbolica unione tra arte e scienza, rappresenta la centralità dell'uomo attraverso lo studio delle proporzioni del corpo umano, secondo i canoni antropometrici dell’architetto romano Vitruvio Pollio del I secolo a.C. L'Uomo Vitruviano si iscrive in modo perfetto, in piedi con le gambe e le braccia allargate, nelle figure geometriche, considerate perfette da Platone, del cerchio e del quadrato, costruite in relazione tra loro secondo i modi della Sezione Aurea.
L'opera è visibile al pubblico solo in rare occasioni a tutela della sua integrità.