Sotto esame la tecnica del dripping, dalla catalogazione dei materiali al loro impiego

Un Pollock all’Opificio delle Pietre Dure

Alchimia, Jackson Pollock courtesy © Guggenheim
 

Ludovica Sanfelice

03/12/2013

Firenze - E’ partito ieri all’alba dal Guggenheim di Venezia e ha viaggiato fino a Firenze dove è stato recapitato all’indirizzo dell’Opificio delle Pietre Dure. E’ qui che scatterà la seconda fase di un processo di conservazione cominciato in Laguna. Il dipinto Alchimia di Jackson Pollock è infatti oggetto di un piano di restauro unico che mira ad analizzare il lavoro per stabilire quali materiali siano stati utilizzati e come.

L’inusuale progetto, a cui partecipano anche conservatori, curatori e scientisti americani, oltre a fornire informazioni utili a valutare l’autenticità dell’opera e a stabilire discriminanti certe nell’individuazione dei falsi, servirà a svelare il metodo di lavoro del padre dell’action painting, destrutturando l’arte del dripping dal punto di vista creativo e compositivo, e infine sarà uno strumento valido nell’assimilazione dei fenomeni patologici iscritti nella tecnica dell’autore che, una volta individuati, favoriranno puliture e restauri di altre opere e indicheranno come prevenirne il degrado.

Ogni goccia lanciata contro la tela svelerà la sua origine e ciò a cui la ricerca condurrà sarà insomma una nuova conoscenza dell’universo di Pollock.


Leggi anche:
L'uomo che si firmava Jackson Pollock
Pollock e gli Irascibili inaugurano l'autunno americano a Milano

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE