Enrico Dandolo e i crociati nella basilica di San Marco

Carlo Saraceni

Palazzo Ducale

 
DESCRIZIONE:
Il grande telero, che Saraceni non riuscì a portare a termine per il sopraggiungere della morte e che per questo fu finito dal suo allievo francese Jean Leclerc, fu la più importante committenza ricevuta dal pittore nella propria città. 
La scena illustra un evento storico: il momento del giuramento del doge Enrico Dandolo (1107-1205) in vista della IV crociata che durò dal 1202 al 1205 e che, oltre alla presa di Costantinopoli, riconsegnò a Venezia le città di Trieste, Muggia e Zara. 
Il doge è raffigurato in alto a sinistra, all'interno di una loggetta a ridosso dell'iconostasi della Basilica di San Marco, di cui sono rappresentate colonne e statue degli apostoli ai lati della Crocifissione; tutt'intorno la chiesa pullula di figure, per lo più soldati crociati che dovranno partire per la guerra. In mezzo a questi in posizione sopraelevata spicca il patriarca di Venezia. 
Una curiosità: il celebre illustratore Gustave Dorè, che raffigurò lo stesso soggetto, riprese esattamente il dettaglio della loggetta di san Marco nella sua acquaforte.
COMMENTI

LE OPERE

Mappa
 
Opere in Italia
 
Opere nel Mondo