10 Americans After Paul Klee

Kenneth Noland, In the Garden, 1952 Öl auf Hartfaserplatte, 49.5 x 76.2 cm, The Phillips Collection, Washington, DC, Erworben 1952

DAL 15/09/2017 AL 07/01/2018

Berna

LUOGO: Berna - Monument im Fruchtland 3 | Museo Zentrum Paul Klee

ENTI PROMOTORI:

Collezione Phillips Washington D.C.

SITO UFFICIALE: https://www.zpk.org

ARTISTI: Jackson Pollock, Robert Motherwell, Mark Tobey

PROMOTORI: Collezione Phillips Washington D.C.

COMUNICATO STAMPA:

"10 Americans After Paul Klee
" è la prima mostra che illustra l'impatto del lavoro di Paul Klee sull'arte americana della metà del XX secolo. Dieci artisti americani, tra cui i famosi come Jackson Pollock, Robert Motherwell e Mark Tobey, sono chiamati a testimoniare quanto i concetti e le pratiche artistiche di Klee abbiano ispirato i loro lavori.

Se l'influenza di Klee su quella generazione di giovani artisti americani è stata riconosciuta, il fenomeno non è stato finora studiato con grande profondità. Questa mostra, pertanto, è il primo tentativo di colmare il divario della ricerca. Le opere di Paul Klee sono accanto a pezzi di William Baziotes, Gene Davis, Adolph Gottlieb, Norman Lewis, Robert Motherwell, Kenneth Noland, Jackson Pollock, Theodoros Stamos, Mark Tobey e Bradley Walker Tomlin.

La mostra è stata ideata e organizzata in collaborazione con la Collezione Phillips, Washington D.C., dove sarà ospitata dal 03 febbraio al 06 maggio 2018.

Nel corso degli anni '30 e '40, in America si era verificato un vero e proprio boom di Klee, con un gran numero di esposizioni dedicate al suo lavoro. Molti collezionisti tedeschi di Paul Klee erano emigrati negli Stati Uniti per sfuggire al nazionalsocialismo. Klee era fuggito dalla Germania ed era tornato alla sua città natale, Berna già dalla fine del 1933.
Mentre il mercato dell'arte in Europa crollava, Klee ha continuato a lavorare in un relativo isolamento in Svizzera, godendo di un grande successo in America. L'artista però non si è mai recato negli Stati Uniti.
Gli artisti americani in particolare hanno reagito positivamente al suo lavoro fin dall'inizio. La loro ricerca era orientata al superamento dell'eredità americana ed europea nell'arte visiva. Per questo motivo erano particolarmente affascinati dalla capacità di Klee di combinare differenti tendenze artistiche (cubismo, surrealismo, costruttivismo) in un nuovo stile.

Riuscirono a realizzare un nuovo inizio recuperando, come Klee, le origini dell'attività creativa.
Sulla strada per una nuova arte usarono metodi diversi. Mutuarono la procedura di automatismo sviluppata da Klee e poi dai surrealisti. Inconsciamente disegnavano linee libere con penna o spazzola, che poi rielaboravano consapevolmente. Ritornare agli inizi dell'espressione creativa ha favorito il ritorno al disegno infantile e all'arte tribale. Soprattutto, hanno incorporato la semplificazione e la schematizzazione di simboli e segni arcaici nel loro lavoro.

La linea, come il mezzo più universale e diretto, era il più adatto per esprimere la primitività che cercavano - un altro motivo per cui Klee, che era principalmente un disegnatore, era diventato un modello per loro. Ha anche visto il disegno come una forma di scrittura e ha sviluppato un suo linguaggio pittorico calligrafico, che si alternava tra spontaneità e controllo. Gli artisti americani presenti in quest'esposizione hanno anche cercato di conciliare quegli opposti nel loro lavoro.

Per la mostra sono stati selezionati dieci artisti che più di altri si sono ispirati esplicitamente all'opera di Klee.

 

MOSTRE