Biografia

Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti a Roma, si trasferì a Firenze dove, dal 1825, divenne docente della locale Accademia. È tra i maggiori rappresentanti dello stile neogotico nel capoluogo toscano; tra le commissioni più importanti si ricordano: la Villa e il parco di San Donato per i principi russi Demidoff (1835), gravemente danneggiati durante la Seconda Guerra mondiale e in seguito adibiti ad usi impropri, la facciata per la Basilica di Santa Croce, ideata nel 1837 e realizzata tra il 1854 e il 1853 e il Cimitero delle Porte Sante  (1850-55). Nel 1843 partecipò anche al concorso per il prospetto di Santa Maria del Fiore, vinto da Emilio De Fabris. Negli stessi anni fornì progetti per alcuni edifici della sua città natale, Ancona, come il Teatro (1835) e i Bagni Pubblici; si occupò, inoltre, del restauro della cupola del Duomo. Da non dimenticare la costruzione del Museo Napoleonico presso la Villa di San Martino (1851) sull’Isola d’Elba. Fu anche autore di libri e opuscoli dedicati alle proprie realizzazioni.

COMMENTI:
                    

See Also