Prato | Museo di Palazzo Pretorio | Dal 14 dicembre 2019 al 6 gennaio 2021

Riapre Palazzo Pretorio a Prato: in mostra un'approfondita ricostruzione delle vicende storiche delle opere e dell’interesse del collezionismo toscano per la pittura napoletana del Seicento.

Un'esposizione dedicata alla passione per la pittura napoletana del Seicento diffusasi in Toscanacon modalità e in tempi diversi grazie a due importanti collezioni, da un lato quella del Museo di Palazzo Pretorio di Prato, una delle raccolte più importanti della regione, seconda solo alle Gallerie di Firenze, e dall'altro quella della Fondazione Giuseppe e Margaret De Vito per la Storia dell’Arte Moderna a Napoli, che ha sede sulle colline intorno a Firenze, nella villa di Olmo (Vaglia) e costituisce una delle più significative collezioni private in assoluto di pittura napoletana del Seicento.

Dopo Caravaggio. il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito intende valorizzare le opere del Museo di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito, documentando l’interesse per il naturalismo della pittura napoletana del Seicento attraverso due storie di collezionismo antico e moderno, che conducono il visitatore lungo il percorso artistico successivo alla presenza a Napoli di Caravaggio, attraverso i lavori dei più significativi pittori dell'epoca, da Battistello a Nicola Malinconico, da Mattia Preti al Maestro dell'Annuncio ai pastori e molti altri.

Leggi anche:
Dopo Caravaggio. il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito
 

FOTO


Dopo Caravaggio

Collezione Fondazione De Vito, Bernardo Cavallino, Santa Lucia, 1645-1648 circa, Olio su tela, 103 x 129.5 cm
Collezione Fondazione De Vito, Bernardo Cavallino, Santa Lucia, 1645-1648 circa, Olio su tela, 103 x 129.5 cm
   
 
  • Collezione Fondazione De Vito, Bernardo Cavallino, Santa Lucia, 1645-1648 circa, Olio su tela, 103 x 129.5 cm
  • Museo di Palazzo Pretorio, Mattia Preti, Ripudio di Agar, 1635-1640 circa, Olio su tela, 280 x 185 cm
  • Museo di Palazzo Pretorio, Battistello Caracciolo, Noli me tangere, 1618, Olio su tela, 142 x 123 cm
  • Museo di Palazzo Pretorio, Nicola Malinconico, Il buon Samaritano, 1703-1706 circa, Olio su tela, 199 x 147 cm
  • Collezione De Vito, Mattia Preti, Deposizione di Cristo dalla croce, Ottavo decennio del XVII secolo, Olio su tela, 128 x 179 cm
  • Collezione De Vito, Jusepe de Ribera, Sant'Antonio abate, 1638 (datato), Olio su tela, 65.5 x 71.5 cm
  • Collezione De Vito, Maestro dell'annuncio ai pastori (Juan Dò?), Giovane che odora una rosa, 1640-1645 circa, Olio su tela, 79 x 104 cm
  • Collezione De Vito, Giovanni Battista Caracciolo detto Battistello, San Giovannino
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


I simboli di Previati, il Maestro che guardava al futuro foto | Ferrara | Castello Estense | Fino al dicembre 2020 I simboli di Previati, il Maestro che guardava al futuro Ferrara onora Gaetano Previati con una grande mostra dedicata alla sua opera, alchimia artistica tra Simbolismo e Futurimo a cavallo tra due secoli.   Yves Klein. Les éléments et le couleurs foto | Mondo | Domaine des Etangs di Massignac | Dal 25 giugno 2020 al 29 gennaio 2021 Yves Klein. Les éléments et le couleurs Una rara opportunità per scoprire, attraverso una visione trasversale e tematica, l'opera di Yves Klein, precursore di molte Arti.   Aquileia. Patrimonio dell'Umanità foto | Aquileia. Patrimonio dell'Umanità Aquileia. Patrimonio dell'Umanità Alla scoperta dei tesori del sito UNESCO di Aquileia, la città friulana con 2200 anni di storia.   HIC SUNT LEONES o del paradosso dietro l'angolo foto | Roma | WeGil | dal 22 luglio al 31 agosto 2020 HIC SUNT LEONES o del paradosso dietro l'angolo Nel cuore dell'estate romana di un'annata epocale, Max Papeschi si ritrova ad innescare un puntualissimo cortocircuito spaziotemporale.   Caravaggio, il trionfo della bellezza foto | Le opere più belle di Michelangelo Merisi Caravaggio, il trionfo della bellezza La luce, l'intensità, la natura e gli uomini.   Elliott Erwitt. Icons foto | Rome | WeGil | Dal 18 maggio al 12 luglio 2020 Elliott Erwitt. Icons Riapre a Roma il 18 maggio 2020, con proroga fino al 12 luglio, la mostra dedicata ad uno dei più grandi Maestri della fotografia contemporanea.   Tiziano, un secolo di capolavori foto | Tiziano Tiziano, un secolo di capolavori Le mille sfumature del Cinquecento nei capolavori di Tiziano.   Da Il bacio di Klimt a Il bacio di Hayez, l'amore nell'arte foto | Viaggio nell'arte e nell'amore Da Il bacio di Klimt a Il bacio di Hayez, l'amore nell'arte Da Klimt, a Hayez, Rodin e Caravaggio. Quando l'arte incontra l'amore.   Giambattista Piranesi. Architetto senza tempo foto | Bassano del Grappa | Palazzo Sturm | Dal 20 giugno al 19 ottobre 2020 Giambattista Piranesi. Architetto senza tempo La città di Bassano del Grappa celebra con una grande mostra il terzo centenario della nascita del massimo protagonista dell’incisione veneta del Settecento.   Il Racconto della Montagna nella pittura tra Ottocento e Novecento foto | Conegliano | Palazzo Sarcinelli | Dal 12 giugno all'8 dicembre 2020 Il Racconto della Montagna nella pittura tra Ottocento e Novecento Un inno alla natura e alla libertà in mostra a Conegliano, Giandomenico Romanelli e Franca Lugato esplorano il tema della montagna a partitre dal'immaginario artistico di metà Ottocento.   Tra i Capolavori delle Gallerie dell'Accademia di Venezia foto | Riapertura delle Gallerie dell'Accademia di Venezia Tra i Capolavori delle Gallerie dell'Accademia di Venezia Breve viaggio tra alcuni dei capolavori custoditi alle Gallerie dell'Accademia di Venezia: un tesoro da riscoprire.   Canova a Roma e l'immortalità del genio foto | Museo di Roma | Fino al 21 giugno 2020 Canova a Roma e l'immortalità del genio Riaperture: una mostra evento dedicata al legame di Antonio Canova con la Città Eterna.