Dal 20 al 30 luglio al Teatro Argentina di Roma

Nel teatro dell'immaginazione. Da Fabio Cherstich e Luigi Serafini, un rivoluzionario Ubu Re

Fabio Cherstich e Luigi Serafini, Ubu Re. Foto Teatro Argentina
 

Francesca Grego

21/07/2021

Roma - Il trono è una lavatrice, il regno una distesa di sabbia, le insegne regali nient’altro che una salsiccia. L’Ubu Re di Alfred Jarry torna in scena più surreale e immaginifico che mai in un allestimento che alla carica eversiva delle parole unisce costumi e scenografie degne di una serata Dada. Succede al Teatro Argentina di Roma in uno spettacolo firmato da Fabio Cherstich e Luigi Serafini. Dopo aver inventato l’Operacamion, con cui porta la lirica su set del tutto inusuali, per Ubu il trentasettenne regista friulano ha voluto accanto a sé un “patafisico" doc. All’onorato collegio fondato da Jarry Serafini è iscritto per davvero, e chi conosce la sua storia sa che non potrebbe essere altrimenti: il famoso Codex Seraphinianus, inesauribile enciclopedia dell’assurdo diventata un cult del secondo millennio, è un esempio lampante di quella “scienza delle soluzioni immaginarie” citata dallo stesso Pére Ubu. Ma questa volta le invenzioni visive e linguistiche si intrecciano sulla scena, rinnovando una pietra miliare del teatro contemporaneo a partire dal suo stesso spirito. La satira del potere e il gusto della provocazione di Jarry trovano nuovi alleati in fantasiosi marchingegni scenici, sculture di tubi Innocenti, costumi che assomigliano a opere contemporanee, innescando dialoghi imprevisti tra arti visive, storia e letteratura.


Fabio Cherstich e Luigi Serafini | Courtesy Teatro di Roma

“La prima cosa che abbiamo fatto è lavorare sul testo”, spiega l’artista, architetto e designer romano: “E la rilettura ci ha portato a una serie di scoperte incredibili, come la presenza di Pulcinella nel testo originale francese di Jarry”. Così a un certo punto dello spettacolo il re indossa la maschera del lazzarone e i personaggi iniziano a parlare in napoletano. È solo il primo dei giochi escogitati dall’imprevedibile duo: il linguaggio si sporca e si scardina tra onomatopee, nonsense, citazioni dal cirillico o da lingue inventate di sana pianta, come quella usata da Serafini per “spiegare” gli enigmatici disegni del Codex. In linea con la lezione della Patafisica, l’immaginazione diventa chiave di lettura e al contempo fuga dalla realtà. “Ho voluto rappresentare l’apparato della monarchia come un grande catafalco di porpora ed ermellino, con in vetta la testina del re incoronato che sproloquia”, racconta Serafini.


Fabio Cherstich e Luigi Serafini, Ubu Re | Courtesy Teatro di Roma

All’Argentina la pièce di Jarry si trasforma anche grazie a un approccio site-specific alla scena: invece che sul palco, gli attori recitano sulla platea coperta di sabbia, eredità dell’installazione "Sun & Sea" allestita nei giorni precedenti. L’apoteosi del ventre e il trionfo del grugno nella Storia universale, i decervellamenti e le parate, la brama di potere e le sue conseguenze tragicomiche, l’arroganza senza freno e le più incontrollabili paure vanno in scena per la prima volta su un grottesco arenile suburbano. “Il cambiamento di ambientazione fa assumere al testo una dimensione ancestrale”, commenta Cherstich: “In più, avendo un cast di soli sette attori sui trenta personaggi previsti, la loro solitudine diventa lo specchio di un’umanità persa”.
Ma le novità non sono finite. Come non era mai accaduto prima, a Roma il genio-guastatore di Jarry si trasforma in personaggio: “Questa volta invaderemo anche lo spazio esterno: la figura di Jarry sarà in mezzo al pubblico, in bicicletta davanti al Teatro Argentina”, anticipa il regista. “E nel finale ci sarà un’altra sorpresa: sveleremo una parte del teatro che di solito resta nascosta”.

Ubu Re andrà in scena dal 20 al 30 luglio al Teatro Argentina di Roma, con la regia di Fabio Cherstich, scene e costumi di Luigi Serafini, musiche di Pasquale Catalano e con Massimo Andrei, Gea Martire, Sara Borsarelli, Marco Cavalcoli, Alessandro Bandini, Francesco Russo e Julien Lambert. 


Alfred Jarry in bicicletta | Courtesy Teatro di Roma

Leggi anche:
Luigi Serafini e il Codice della fantasia
Per terra e per mare. Il Codex di Serafini in mostra in Francia
• Elapis di Luigi Serafini
Da Serafini a Bernini: viaggio alla Fontana dei Quattro Fiumi

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >