Per la prima volta un’artista franco-algerina alla guida del padiglione nazionale

"I sogni non hanno titolo". Il Padiglione Francese di Zineb Sedira alla Biennale

Zineb Sedira, Les reves n'ont pas de titre © Thierry Bal e Zineb Sedira
 

Francesca Grego

21/02/2022

Venezia - Attinge all’immaginario del cinema per parlare di temi universali il progetto di Zineb Sedira, prima artista franco-algerina a rappresentare la Francia alla Biennale d’Arte di Venezia. In bilico tra realtà e finzione, l’installazione cinematografica Les rêves n’ont pas de titre / Dreams have no title darà forma al Padiglione Francese inglobando la storica architettura dei Giardini in un microcosmo pregno di ricordi e domande lanciate verso il futuro. Memorie autobiografiche e scene di film iconici sono pronti a mescolarsi intrecciando la dimensione personale dell’artista al vissuto collettivo, in un’opera improntata ai valori di un moderno umanesimo che tocca temi come la lotta contro le discriminazioni e il razzismo, la decolonizzazione, la solidarietà, la libertà, l’identità, la famiglia. 


Zineb Sedira, Les reves n'ont pas de titre © Thierry Bal e Zineb Sedira

Da sempre impegnata a riflettere sulla ricchezza e sulle difficoltà degli incroci culturali che hanno segnato la sua vita, a Venezia Sedira riapre una pagina di storia del cinema sconosciuta al grande pubblico. Siamo negli anni Sessanta e Settanta del Novecento e la giovanissima Repubblica d’Algeria è un vivace laboratorio della settima arte: registi e creativi europei collaborano con i colleghi nordafricani in un clima di scambio e sperimentazione, tra spaghetti western, produzioni storiche, documentari e film impegnati o di attualità. Nasceranno così lungometraggi come Z di Costa-Gavras, Tre pistole contro Cesare di Enzo Peri, Elise, or Real Life di Michel Drach, Les passagers di Annie Tresgo, Les Ramparts d’argile di Jean-Louis Bertucelli, Ballando ballando di Ettore Scola. Ma Zineb è affascinata da un titolo in particolare: si tratta di Les Mains libres o Tronc de figueir  (Le mani libere o Tronco di fico) del 1964, il primo documentario algerino girato dopo l’indipendenza, in cui il regista e attivista italiano Ennio Lorenzin racconta la vita di un paese che ha conquistato la libertà da appena due anni. 


Zineb Sedira, Les reves n'ont pas de titre © Thierry Bal e Zineb Sedira

Per Sedira, che ha trascorso l’infanzia nel sobborgo parigino di Gennevilliers frequentando il cinema Jean-Vigo e si è poi trasferita in Inghilterra, dove vive tuttora, il film è il punto di partenza per un viaggio tra Storia e storie, che a 60 anni esatti dall’indipendenza dell’Algeria dà voce a domande ancora aperte: chi ha diritto di raccontare il passato in un contesto post-coloniale? Quali strascichi ha lasciato il colonialismo in Algeria, in Francia e nelle vite di milioni di persone che, in modi diversi, sono state coinvolte? Qual è oggi l’eredità degli anni delle lotte? Come è cambiata e come cambierà ancora la vita di chi vive tra più culture? 


Zineb Sedira, Les reves n'ont pas de titre © Thierry Bal e Zineb Sedira

Come nella sua celebre installazione Mother Tongue del 2002, l’avventura artistica e personale di Sedira è l’immagine di una mappa in mutazione che abbraccia l’Africa e l’Europa. “Le storie raccontate da Zineb sono le sue, quelle della sua famiglia, della Francia, dell’Algeria - il paese dei suoi genitori - e della decolonizzazione, mentre si interroga su fenomeni come le migrazioni, le discriminazioni, il razzismo”, spiega Eva Nguyen Binh, presidente dell’institut Français: “Ma, al di là di tutto questo, Zineb mostra solidarietà, libertà, orgoglio e speranza. E un umorismo discreto, un piccolo tocco di luce”. 


Zineb Sedira, Les reves n'ont pas de titre © Thierry Bal e Zineb Sedira

“Il progetto di Zineb Sedira per il Padiglione Francese ha il battito del nostro tempo”, aggiungono i curatori Yasmina Reggad, Sam Bardaouil e Till Fellrath: “Ripercorrendo un’epoca di coproduzioni cinematografiche feconde tra Algeri, la Francia e l’Italia, Zineb sottolinea l’influenza di un certo cinema degli anni Sessanta sul desiderio di emancipazione presente in molti progetti postcoloniali. Al centro della mostra, una magistrale alternanza tra realtà e finzione fa sì che gli elementi personali della biografia dell’artista si mescolino con le scene dei film emblematici di quel periodo. Da questo insieme di scene cinematografiche, fotografie, suoni, sculture e collage, emerge uno scenario immersivo che, partendo da un passato che non è poi così lontano, si adopera per decostruire le politiche contestate del presente”. 


Portrait of Zineb Sedira  © Thierry Bal e Zineb Sedira

I sogni non hanno titolo - conclude Eva Nguyen Binh - è un’opera che ci parla del mondo, e ognuno di noi può riconoscervi parti della propria esperienza. Zineb Sedira indaga il nostro tempo, le sue contraddizioni e le sue lotte. Sebbene sia affascinata dagli anni Sessanta, è un'artista decisamente contemporanea, che presenta l’immagine di una Francia aperta, al lavoro per un umanesimo fondato sulla condivisione, sul pluralismo e sulla diversità”.


Il Padiglione Francese ai Giardini della Biennale © DR

Leggi anche: 
Storia della Notte e Destino delle Comete: presentato il Padiglione Italia alla 59° Biennale
La Biennale d'Arte 2022, fucina green di una nuova umanità nel segno del "reincanto"
Nell'universo onirico di Leonora Carrington, la musa surrealista della Biennale d'Arte 2022

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >