Essere è tessere. 100 fili d’artista dalla collezione Canclini

Essere è tessere. 100 fili d’artista dalla collezione Canclini

 

Dal 16 Dicembre 2015 al 14 Febbraio 2016

Milano

Luogo: Palazzo delle Stelline

Indirizzo: c.so Magenta 61

Curatori: Chiara Gatti

Enti promotori:

  • Fondazione Stelline
  • Con il patrocinio di Regione Lombardia
  • Comune di Milano
  • Città Metropolitana di Milano
  • la Camera Nazionale della Moda Italiana
  • Sistema Moda Italia
  • Fondazione Industrie Cotone e Lino

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 02 45462.411

E-Mail info: fondazione@stelline.it

Sito ufficiale: http://www.stelline.it


Comunicato Stampa:
Nella cornice del Palazzo delle Stelline, dal 17 dicembre 2015 al 14 febbraio 2016, si terrà la mostra Essere è tessere. 100 fili d’artista dalla collezione Canclini.

L’esposizione promossa dalla Fondazione Stelline, con il supporto di Canclini Tessile spa, offre attraverso un’attenta selezione di opere di arte antica e contemporanea, un viaggio evocativo nel mondo dell’arte tessile, in grado di spiegare come l’intreccio, la trama, l’ordito o la materia prima, come seta, lana e cotone, siano diventati protagonisti di un vero e proprio linguaggio espressivo.
 
La mostra, curata da Chiara Gatti, affianca 40 esemplari di arte antica, tribale o esotica, legati a civiltà di epoche e geografie diverse, precolombiane, mediorientali, asiatiche o africane, a 40 opere di contemporanea, firmate da artisti come Alighiero Boetti, César, Christo, Christian Boltansky, Maria Lai, Jannis Kounellis, Jorge Eielson, Hermann Nitsch, Lucy+Jorge Orta o Yayoi Kusama.
Lo scopo è indagare e raccontare per tappe quel legame innato, dai risvolti antropologici, che sembra fluire in sottotraccia fra passato e presente, dimostrando un amore condiviso dagli artisti per la trama e l'ordito come elementi di un linguaggio espressivo parallelo. 
 
Giochi di geometrie, ritmi alternati, labirinti di colore, motivi, sequenze, scacchiere, fasce, nodi e ricami tornano come tracce di un pensiero inconscio nelle tessiture primitive così come nelle riflessioni estetiche del Novecento. È la storia di una sintonia, di una vocazione istintiva per la composizione, la materia, la tecnica, frutto di un ordine mentale, che agisce da sempre, fuori del tempo e dei luoghi. Universale.
 
Basti accostare i reticoli di Piero Dorazio, degli anni Sessanta e Settanta, ai famosi “molas”, i quadri di tessuto ricamati dalle donne indios Kuna di Panama, per capire l'affinità. Oppure i fagotti di Kimsooja, l'artista di origine coreana che porta avanti da anni una ricerca sul tema del viaggio, inteso come processo migratorio, con i bauli di lana e cotone Shahsavand dell'Azerbaijan, usati dai pastori nomadi d'Oriente fra Sette e Ottocento. 
 
Celebre il caso delle sequenze di parole cucite, per Alighiero Boetti, dalla bottega di ricamatrici afgane della sua factory mediorientale, abbinate qui alle stesse sfumature dei Kelim Golbarjasta o dei tubeteika, i copricapi dell’Asia Centrale, indossati nel Turkestan occidentale. I nodi in tessuto di jeans del peruviano Jorge Eduardo Eielson ci riportano alla simbologia del “quipu” nell'impero Inca: il nodo come lingua, metodo di scrittura e contabilità, per misurare il tempo nei calendari, stilare censimenti. Stimolante, ancora, è il raffronto fra le tele di juta grezze attraversate dai segmenti ritmici di Giorgio Griffa e gli Ikat dell'Uzbekistan; essi spartiscono la medesima scansione, un senso analogo di gestione dello spazio, cadenzato dai colori, come fossero frequenze del suono, battiti del cuore.
 
“Questa mostra presenta e unisce il meglio delle eccellenze italiane, dall’impresa al design, dall’artigianato all’arte. – dichiara PierCarla Delpiano, Presidente della Fondazione Stelline – “L’arte contemporanea, da sempre centrale nelle scelte espositive della Fondazione Stelline, incontra la storia reinterpretandola e dandole una forma espressiva unica, “Essere è tessere” quindi, presente e passato che generano futuro. Una mostra unica che ci offre l’emozione di uno straordinario viaggio intorno al mondo, alla scoperta di nuovi approfondimenti culturali”. 
 
La collezione Canclini è ricca di opere come queste ed è stata costruita, in novant'anni di storia familiare e aziendale, attorno al dialogo assoluto fra opere antiche e contemporanee, a caccia di intrecci ideali.
Arricchiscono il percorso espositivo documenti d’archivio, rari esemplari di campionari d’epoca, oggetti e strumenti di lavoro divenuti icone di un mestiere radicato nella storia dell'uomo fin dalle origini. 
Il titolo della mostra è la citazione di un progetto ambientale di Maria Lai, ideato per il paese di Aggius.
 
La Canclini Tessile S.p.A., è una storica azienda familiare, che festeggia  i 90 anni di attività.
L’azienda produce e commercializza tessuti in puro cotone per camiceria, esporta circa il 75% del suo fatturato, vende in oltre 100 paesi in tutto il mondo.

Inaugurazione 16 dicembre h.18.30.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI