Museo Archeologico Regionale di Aosta | Dal 25 giugno al 23 ottobre 2022

Dalla Svizzera ad Aosta, una mostra inedita conduce alla scoperta di una stagione straordinaria, ma ancora poco nota, dell’arte del Novecento.

La rassegna Espressionismo svizzero, allestita al Museo Archeologico Regionale di Aosta grazie ad importanti prestiti dal Kunst Museum di Winterthur e da una serie di prestigiose collezioni museali e private svizzere, mette insieme per la prima volta capolavori elvetici provenienti da tutta la Svizzera, dal Ticino alla Svizzera francese, fino ad oggi poco conosciuti dal grande pubblico.

Da Lucerna con Der Moderne Bund a Basilea con i Rot-Blau, fino ad Ascona con il gruppo dell’Orsa Maggiore, dalle opere di figure femminili straordinarie come quella di Alice Bailly, ai capolavori di Louis Moilliet (Il grande carosello), di Hermann Scherer (Paesaggio nel Mendrisiotto) di Albert Muller (Interno con tre donne) o di Hans Berger (La lettrice), nei primi anni del Novecento furono molti gli artisti di provenienza elvetica che trovarono nell’estetica cruda e nei colori forti e simbolici propri dell’Espressionismo una piena espressione di sé e del tempo in cui vivevano.

Il cosiddetto Espressionismo svizzero si sviluppò gradualmente - dagli inizi alla prima metà del Novecento - in differenti aree geografiche del paese, in modo da generare percorsi creativi e tendenze stilistiche molto diversi tra loro che condussero alla definizione di numerosi gruppi di artisti, per cui si può parlare di "plurilinguismo elvetico".

La mostra, promossa dall’Assessorato Beni Culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, è diretta dal curatore del Kunst Museum Winterthur, David Schmidhauser, in collaborazione con Daria Jorioz, dirigente della Struttura Attività Espositive e Promozione Identità Culturale della Valle d’Aosta.

Leggi anche:
Espressionismo svizzero
 

FOTO


Espressionismo svizzero

Alice Bailly, Fredda mattina in Lussemburgo,1921, Museum Winterthur, Inv. KV 520
Alice Bailly, Fredda mattina in Lussemburgo,1921, Museum Winterthur, Inv. KV 520
   
 
  • Alice Bailly, Fredda mattina in Lussemburgo,1921, Museum Winterthur, Inv. KV 520
  • Louis Moilliet, La Giostra, 1916-1917, Olio su tela, Kunst Museum Winterthur, Inv. KV 1024, Hans Humm, Zurigo
  • Paul Camenisch, Il giocatore di bocce, 1927, Olio su tela, Bundner Kunstumuseum Chur, Galerie Carzaniga, Basel
  • Albert Müller, Interno, 1924, Olio su tela, 127 × 134.5 cm | © Kunst Museum Winterthur, Acquisto dal fondo artistico, 1965, Inv. KV 1007
  • Hermann August Scherer, Paesaggio nel Mendrisiotto, 1926, Olio su juta, 110.5 × 126 cm, Kunst Museum Winterthur, Acquisto, 1966, Inv. KV 1012
  • Ernst Ludwig Kirchner, Gola della foresta di Stafel, 1918-1919, Olio su tela, Kunst Museum Winterthur, Inv. KV 853, Hans Humm, Zurigo
  • Hans Berger, La Lettura, 1909, 104 × 74.5 cm, Kunst | © Museum Winterthur, Acquisto, 1963, Inv. KV 955
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


Yōkai. Le Antiche Stampe dei Mostri Giapponesi foto | Villa Reale di Monza | Dal 30 aprile al 9 ottobre 2022 Yōkai. Le Antiche Stampe dei Mostri Giapponesi Un'immersione nel mondo dei mostri giapponesi, tra folklore e storia dell'arte, mitologia greca e teologia, leggende e storia della scienza occidentale.   La Brixia cancellata di Emilio Isgrò foto | Parco Archeologico di Brescia Romana / Museo di Santa Giulia | Dal 23 giugno 2022 all'8 gennaio 2023 La Brixia cancellata di Emilio Isgrò Va in scena a Brescia un inedito progetto espositivo che si dipana tra archeologia ed arte contemporanea, tra cultura classica, passato e presente.   Fabrizio Clerici. L’atlante del meraviglioso foto | Roma | Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea | Dal 28 giugno al 2 ottobre 2022 Fabrizio Clerici. L’atlante del meraviglioso Un viaggio visionario e collettivo nell’immaginario di un grande protagonista dell’arte italiana del Novecento.   Federico da Montefeltro e Francesco di Giorgio: Urbino crocevia delle arti foto | Palazzo Ducale di Urbino | Dal 23 giugno al 10 settembre 2022 Federico da Montefeltro e Francesco di Giorgio: Urbino crocevia delle arti Un intenso viaggio nella storia di Urbino e della sua corte in compagnia del duca Federico e dell'architetto Francesco di Giorgio.   Eteria foto | Catania | Palazzo della Cultura | Dal 16 giugno al 16 ottobre 2022 Eteria La verità oltre il glamour: la denuncia pop di Andrea Chisesi tra ciò che è stato e continua ad essere.   Tiziano. Dialoghi di Natura e di Amore foto | Roma | Galleria Borghese | Dal 14 giugno al 18 settembre 2022 Tiziano. Dialoghi di Natura e di Amore Da Vienna a Roma, i capolavori di Tiziano si incontrano a Villa Borghese   Vittore Grubicy de Dragon foto | Museo della Città di Livorno | Dall'8 aprile al 10 luglio 2022 Vittore Grubicy de Dragon In mostra a Livorno l'intenso ritratto di un grande intellettuale-artista dal profilo internazionale e il suo lascito al mondo dell'arte.   Klimt. L’uomo, l’artista, il suo mondo foto | Piacenza | Fino al 24 luglio 2022 alla Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi Klimt. L’uomo, l’artista, il suo mondo Il multiforme universo di Klimt in mostra a Piacenza per un'occasione unica.   Un racconto per immagini di Lorenzo Cicconi Massi foto | Milano | Still Fotografia | Dall'11 al 29 maggio 2022 Un racconto per immagini di Lorenzo Cicconi Massi Un viaggio inusuale nelle terre del Prosecco Superiore sospeso tra la concretezza del reale e l'ineffabilità degli universi interiori che lo popolano.   Tutankhamon. L’ultima mostra foto | Al cinema | 9 / 10 / 11 maggio 2022 Tutankhamon. L’ultima mostra Un film documentario celebra i 100 anni dall'epocale scoperta della tomba del faraone bambino con immagini esclusive e la voce narrante di Manuel Agnelli.   WESTON & Co. foto | Brescia Photo Festival | Museo di Santa Giulia | Dal 31 marzo al 24 luglio 2022 WESTON & Co. La rivoluzione visiva della famiglia Weston, dall'iconico Eward ai suoi eredi un viaggio nella storia della fotografia.   CRAZY foto | Roma | Chiostro del Bramante | Dal 19 febbraio 2022 al 8 gennaio 2023 CRAZY Tra le sale e lungo le scale, dentro e fuori al Chiostro del Bramante risuona un inno alla follia creativa.