Frammenti rotti e scheggiature sulla fontana recentemente restaurata

Si contano i danni alla Barcaccia

 

L.S.

20/02/2015

Roma - Nel settembre del 2014, dopo un anno di restauri costati 209.960 euro, e finanziati con i fondi provenienti dai cartelloni pubblicitari apposti sulle recinzioni di cantiere, la Barcaccia di Piazza di Spagna era tornata a risplendere ai piedi della Scalinata di Trinità dei Monti.

Dopo soli cinque mesi però, la Soprintendenza si ritrova ad esaminare il monumento per contare i danni dell’assalto ad opera dei teppisti olandesi, giunti a Roma per la partita di Europa League al seguito del Feyenord, che per due giorni hanno tenuto il centro della città sotto assedio sfregiando il capolavoro seicentesco scolpito da Pietro Bernini con l’aiuto del figlio Gian Lorenzo, su incarico del Papa Urbano VIII.

In seguito allo scontro tra forze dell’ordine e tifosi, il Comune ha ordinato lo svuotamento della vasca che richiama turisti da tutto il mondo, per procedere alla verifica dei danni inferti soprattutto dal lancio di bottiglie e purtroppo già parzialmente riscontrabili ad occhio nudo: in particolare nel frammento di travertino di 10 centimetri appartenente all'orlo del candelabro centrale della vasca.

Insieme all’oltraggio ad un’opera di straordinario valore, i rilevamenti ancora in corso da parte dei tecnici della soprintendenza già lasciano trapelare conferme sulla presenza di danni rilevanti e permanenti che superano le iniziali stime.
"E' una vergogna. Non sono tifosi, sono vandali", ha dichiarato il ministro Franceschini: "Spero in punizioni esemplari".
“Roma si costituirà parte civile e chiederà risarcimenti e pene esemplari per tutti coloro che ne hanno voluto umiliare bellezza, storia e identità”, ha ribadito il sindaco di Roma, Ignazio Marino.


Consulta anche:
Guida d'arte di Roma 

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >