Bologna | Collezioni Comunali d'Arte | 17 marzo - 7 ottobre 2018

I capolavori delle Collezioni Comunali d'Arte si mostrano sotto una nuova luce.

Il restauro in corso a Palazzo d'Accursio, sede del museo civico nel cuore di Bologna, si è rivelato un'occasione preziosa per l'inusuale allestimento della mostra Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ‘700 e ‘800 nelle Collezioni Comunali d’Arte, cui seguiranno altre esposizioni in programma fino al termine dei lavori.

Le oltre 150 opere esposte, di cui alcune raramente visibili al pubblico, sono ordinate secondo diversi accostamenti inediti che invitano a soffermarsi sulla ripresa ricorrente di modelli di epoche precedenti da parte degli artisti del XVIII e il XIX secolo, mettendo a confronto stili e iconografie di grandi autori bolognesi e non, sulle tracce della nascita del gusto contemporaneo.

Così, i capolavori dislocati a causa dell'inizio dei lavori di ripristino degli ambienti che li ospitavano, si trovano a dialogare con le opere vicine innescando nuove e inaspettate chiavi di lettura della storia dell'arte. Attraverso le inestimabili opere d’arte custodite da cinque secoli dal Palazzo Comunale si incontrano nel nuovo allestimento figure di grandi maestri come Donato Creti, Antonio Canova e Francesco Hayez, ma nache i protagonisti del rinnovamento stilistico dei due decenni a cavallo dell’Unità d’Italia (1860-1880), come, tra gli altri, Raffaele Faccioli, Antonio Mancini, Coriolano Vighi, e ancora Pelagio Palagi (Bologna, 1775 - Torino, 1860), che attraversò diverse correnti culturali espresse dall'arte nel coso del XIX secolo.

Vedi anche:
Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ‘700 e ‘800 nelle Collezioni Comunali d’Arte
 

FOTO


Incontri inediti a Palazzo d'Accursio

Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano, 1882), Ruth, 1853, Olio su tela, 100 x 138 cm
Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano, 1882), Ruth, 1853, Olio su tela, 100 x 138 cm
   
 
  • Donato Creti (Cremona, 1671 - Bologna, 1749), Il piccolo Achille viene affidato al centauro Chirone, 1714 circa, Olio su tela, 164 x 124 cm
  • Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano, 1882), Ruth, 1853, Olio su tela, 100 x 138 cm
  • Francesco Hayez, Studio di guerriero seduto, 1813-14, Olio su tela, 70 x 95 cm
  • Karl Pavlovic Brjullov (Pietroburgo, 1799 - Manziana, 1852), Ritratto di Cincinnato Baruzzi,1833 - 1834, Olio su tela, 62 x 76 cm
  • Alfredo Savini (Bologna, 1868 - Verona, 1924), Auxilium ex alto, 1896, Olio su tela, 245 x 276 cm
  • Antonio Mancini (Roma, 1852 - 1930), Modellina, 1874-1880, Olio su tela, 27 x 41 cm
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


Albrecht Dürer e il tesoro rivelato foto | Bassano del Grappa | Palazzo Sturm | 20 aprile - 30 settembre 2019 Albrecht Dürer e il tesoro rivelato Bassano del Grappa dedica la prima monografica mai organizzata in città al grande incisore tedesco.   Tra Sacro e Profano, le visioni immaginifiche di Monica Silva foto | Milano | Spazio M.A.C. | Dal 17 al 21 settembre 2019 Tra Sacro e Profano, le visioni immaginifiche di Monica Silva La Fondazione Maimeri presenta Sacro e Profano: il realismo magico di Monica Silva in esposizione allo Spazio M.A.C. di Milano dal 17 al 21 settembre 2019 con scatti inediti.   Sulle tracce di Vitruvio foto | Pesaro | Palazzo Mosca - Musei Civici | Dal 13 luglio al 13 ottobre 2019 Sulle tracce di Vitruvio Una mostra per tutti in memoria del più celebre teorico dell'architettura di tutti i tempi.   Il ritratto del Novecento o dell'eterna scintilla foto | Trapani | Museo Agostino Pepoli | 9 agosto - 10 novembre 2019 Il ritratto del Novecento o dell'eterna scintilla Da Milano a Trapani, i capolavori delle avanguardie descrivono un viaggio nella storia di un genere senza tempo.   Metlicovitz. L’arte del desiderio foto | Treviso | Museo Nazionale Collezione Salce | Dal 16 maggio al 13 ottobre 2019 Metlicovitz. L’arte del desiderio I manifesti di un pioniere della pubblicità raccontano di un'epoca perduta all'origine dell'immaginario dell'oggi.   Il Rinascimento visto da Sud foto | Matera | Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna della Basilicata - Palazzo Lanfranchi | Dal 19 aprile - 19 agosto 2019 Il Rinascimento visto da Sud Come Matera, l’Italia meridionale e il Mediterraneo tra ‘400 e ‘500 divennero crocevia di civiltà.   Alle porte dell'onirico foto | Roma | Chiostro del Bramante | Dal 29 settembre 2018 al 25 agosto 2019 Alle porte dell'onirico Con la mostra DREAM. L'arte incontra i sogni il Chiostro del Bramante si immerge in un'ipnotica luce blu stellata e diventa porta verso il mondo dell'onirico.   Luca Signorelli e Roma: Le alterne fortune di un Maestro dimenticato foto | Roma | Musei Capitolini | Dal 18 luglio al 3 novembre 2019 Luca Signorelli e Roma: Le alterne fortune di un Maestro dimenticato Il primo tributo di Roma al grande Maestro caduto nell'oblio.   Affinità a doppio filo: Larry Fink + Jacopo Benassi foto | Torino | CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia | Dal 18 luglio al 29 settembre 2019 Affinità a doppio filo: Larry Fink + Jacopo Benassi L'estate di CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia si apre con il nuovo format espositivo di CAMERA DOPPIA: due mostre allestite in contemporanea.   Tra luce e silenzi: Orazio Gentileschi, Caravaggio e i pittori marchigiani del '600 foto | Fabriano | Pinacoteca Civica Bruno Molajoli | Dal 2 agosto al 8 dicembre 2019 Tra luce e silenzi: Orazio Gentileschi, Caravaggio e i pittori marchigiani del '600 I Maestri della pittura seicentesca e la bellezza di una terra sconvolta dalle forze della natura raccontati in una mostra.   La Scapigliata di Leonardo o dell'Eterno Afflato foto | Parma | Complesso Monumentale della Pilotta | Dal 18 maggio al 18 agosto 2019 La Scapigliata di Leonardo o dell'Eterno Afflato Al Complesso Monumentale della Pilotta aleggia il soffio inestinguibile della bellezza.   Le risonanze armoniche della bellezza foto | Torino | CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia | Dal 30 maggio al 28 luglio 2019 Le risonanze armoniche della bellezza La Project Room di CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia a Torino ospita i Monumenti contemporanei di Irene Kung.