Dopo Leonardo. Francesco Salviati e il disegno nella Firenze del Cinquecento

Francesco Salviati, Allegoria dell'Arno, Particolare

DAL 31/10/2019 AL 12/01/2020

Torino

LUOGO: Torino - Via Po 55 | Museo Fondazione Accorsi-Ometto

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 011 837688

SITO UFFICIALE: www.fondazioneaccorsi-ometto.it

ARTISTI: Francesco Salviati

COMUNICATO STAMPA:

La Fondazione Accorsi-Ometto di Torino, in occasione delle celebrazioni leonardiane del 2019, esporrà, per la prima volta al pubblico, un disegno recentemente entrato nelle proprie collezioni: l’Allegoria dell’Arno di Francesco Salviati.

La morte di Leonardo, avvenuta nel 1519, segnò l’inizio del periodo storico detto “Manierismo”. La creatività e la capacità tecnica del maestro toscano passarono in eredità ai più importanti artisti del Cinquecento fiorentino, i quali seppero coltivare l’arte del disegno, facendone uno strumento di autopromozione sociale.

Tra i più famosi, vi fu sicuramente Francesco de’ Rossi, detto Il Salviati (Firenze 1509 circa - Roma 1563) che, tra il 1543 e il 1545, dipinse, su committenza di Cosimo I de Medici, la Sala delle Udienze di Palazzo Vecchio, con le Storie di Furio Camillo. Un ciclo la cui complessità iconografica è testimoniata dai molti disegni preparatori, tra i quali proprio quello per l’Allegoria dell’Arno.

Questo evento diventa così un’occasione speciale per capire lo stretto legame esistente tra disegno e decorazione, tra idea ed esecuzione in un periodo magico della storica italiana quale fu il Rinascimento.
 

CAPOLAVORI

DA NON PERDERE


FOTO